5 domande a Massimo Fattoretto: SEO Come posizionarsi sui motori di ricerca?

SEO come posizionarsi sui motori di ricerca

In questa intervista parliamo di uno dei temi più trattati nel mondo digitale ovvero il posizionamento sui motori di ricerca, più conosciuto come SEO – Search Engine Optimization.

Ne ho parlato con uno dei massimi esperti italiani, Massimo Fattoretto, nel mio format video “5 domande a” in cui ogni mese intervisto un professionista del mondo digitale, per diffondere ancora di più la Cultura Digitale.

La storia di Massimo Fattoretto

Come sempre inizio con il conoscere e far conoscere meglio al pubblico, la persona che c’è dietro il professionista. Ho chiesto a Massimo Fattoretto quando tutto è iniziato e qual è stata la scintilla che lo ha fatto innamorare della SEO e lo ha portato a specializzarsi in questo settore.

Quello che Fattoretto racconta è un quadro bellissimo fatto di occasioni colte al volo e di un mix di competenze e relazioni vincente che porta al risultato.

La storia di Massimo Fattoretto inizia ai primi del 2000, lavorava in un’agenzia che sviluppava siti in PHP. Era una piccola agenzia che aveva da poco preso un pacchetto clienti da un’altra azienda. Massimo si trova quindi a dover debuggare il PHP di un centinaio di siti, ognuno fatto quasi da un programmatore diverso. Uno di questo clienti aveva un hotel a Jesolo e Fattoretto mettendo mano a questo sito ha deciso di ottimizzare anche il page title. Dopo tre giorni il cliente lo chiama, contento perché stava ricevendo moltissimi lead e chiedendo cosa avessero modificato. Quella piccola modifica aveva avuto un grande impatto: all’epoca si trattava di tecniche nuove, ma lui ne comprende da subito il potenziale.

Lavora per 10 anni in aziende e in parallelo gestisce siti propri con cui monetizzava attraverso Google AdSense, uno in particolare nel ramo più competitivo quello di finance, prestiti, mutui, investimenti. Fattoretto decide di mettersi in proprio nel 2013 e subito lo chiama Google da Dublino per averlo a capo dei Google Quality Rater Italia, vista la mole di AdSense che arrivava. Decide quindi di partire per Dublino dove resta due mesi. Mentre è là riceve altre due offerte, una delle quali da Arredamento.it e decide quindi di tornare in Italia.
Nel 2014 fonda la Fattoretto Agency, che cresce fino ad arrivare all’organico attuale che conta 14 persone. Negli ultimi anni sceglie di verticalizzarsi nella SEO per e-commerce perché lo appassiona la misurabilità in termini di vendite e ROI e non solo di traffico.

Quali sono per Massimo Fattoretto le componenti più importanti e quali dovrebbe internalizzare un’azienda?

Secondo Massimo Fattoretto chi si occupa di contenuti è fondamentale che sia una risorsa interna all’azienda che sappia come scrivere lato utente ma con anche un occhio di riguardo all’inserimento dei prodotti, delle notizie aziendali e soprattutto anche nei controllare i comunicati stampa, che spesso vengono fatti dalle agenzie esterne è fondamentale.

Una figura interna con competenze nella creazione di contenuti e soprattutto nella lettura dei dati, è imprescindibile perché saper leggere i dati significa poter gestire autonomamente la vetrina, quindi la base più importante per un e-commerce. Con le dashboard che mette a disposizione la Fattoretto Agency il cliente ha tutto sottomano: i dati del proprio e-commerce e anche dei principali competitor.

Invece è bene avere per la parte tecnica di ottimizzazione dei consulenti esterni verticalizzati che lavorino in stretto contatto con il team interno. Dai dati parte anche la strategia: ottimizzazioni per internal linking, nuovi contenuti da sviluppare per eventuali magazine o sottocategorie, tutte le Digital PR, le parole chiave in ambito SEO off site e soprattutto l’organizzazione di tutta la vetrina. Facciamo un esempio: per alcuni business la stagionalità è importante quindi la vetrina va aggiornata. Se abbiamo un negozio multibrand e un brand sta facendo pubblicità in TV facciamo un box dedicato per sfruttare la brand awareness. Queste sono tutte piccole azioni che però vanno viste di volta in volta con un approccio data driven e strategia mirata.

Leggi il mio articoloData driven: l’approccio che fa crescere il tuo e commerce.”

Il compito di un consulente SEO non è solo quello di applicazione tecnica, ma anche quello di consigliare il cliente per organizzare al meglio la vetrina e fare in modo che le KW siano ben posizionate e portino vendite, il potenziamento continuativo della visibilità è importantissimo per divenire leader del settore.

In una strategia SEO ben fatta sono importantissimi anche i backlink per l’autorità del sito.

Sono come punti assegnati al nostro sito e un backlink da un sito autorevole ci fa segnare un goal importante. Se il voto viene dato dal sito del panificio del paese ha un valore, se il voto viene dato da IlSole24Ore.it  mettiamo a segno un punteggio più alto. L’obiettivo è quello di aumentare il DR, ovvero il Domain Ranking, quindi il trust del dominio, così che di conseguenza tutti i contenuti che ci sono all’interno del sito acquisiscano più valore, più visibilità, più ranking.

In questo modo si riesce a portare più clienti, potenziali clienti in target perché si va a prenderli nel momento del bisogno di quella richiesta, si fa leva sulla domanda consapevole.

Una volta di parlava di “content is king ma adesso, parola di Fattoretto dovremmo dire che “link is king.”

Il lavoro on-site deve essere al pari di quello off-site ma purtroppo quest’ultimo è uno degli aspetti più trascurati.

Cos’è il SEO canvas?

Massimo Fattoretto ha realizzato e lanciato uno strumento che mancava nel panorama digitale: il SEO Canvas. L’idea è nata perché nelle call con i clienti ci sono delle domande fondamentali da porre per un progetto SEO.

Fattoretto ha pensato all’inizio a un formulario, un questionario da dare ai propri clienti ma allo stesso tempo però, ha pensato che sarebbe stato utile avere un canvas da condividere con tutto il team. Ha deciso anche di condividerlo in maniera gratuita, soprattutto per aiutare gli store manager.
Partire da questo canvas significa partire con il piede giusto lato SEO.

Il SEO canvas è diviso in 10 quadranti con diverse tematiche ed è dedicato agli store manager di e-commerce.

È gratuito e scaricabile qui fattoretto.agency/canvas-seo-store-manager/

Perché molti ecommerce non danno peso alla SEO? Qual è causa principale di questa assenza?

La SEO è sicuramente fondamentale, ma spesso capita di entrare in aziende, soprattutto e-commerce, che invece non danno peso a questo aspetto essenziale. Perché non c’è un progetto SEO? Ci sono addirittura multinazionali, aziende molto grosse che cascano in questo errore, c’è un vuoto di competenze e consapevolezza.

Per Fattoretto in Italia c’è ancora tanto da fare, tanto da educare al marketing digitale. L’unico modo per contribuire è attraverso la stesura di casi studio, quelli della Fattoretto Agency li troverai sul loro sito e sul loro profilo LinkedIn.

Secondo Fattoretto, cosa conterà di più nel posizionamento organico?

Oggi, tutti, per cercare qualcosa, apriamo Google o altri motori di ricerca. Con la pandemia del 2020, e durante il lockdown sono nati svariati servizi di shopping gratuito come Google shopping, Facebook shopping ecc. Si va verso quella che sarà una vera guerra dei prezzi.

Chi vince la guerra dei prezzi? Il brand.

Si deve pensare in ottica brand-centered. Per questo Fattoretto fonda la 4BrandAgency, un’altra agenzia che si occupa di brand building, digital PR, pubblicità e relazioni con i media.

Il brand resiste ai cambiamenti veloci del digitale, anche la SEO deve partecipare alla costruzione di un brand solido, e autorevole.

Come iniziare a lavorare nel mondo SEO: il consiglio di Fattoretto

SemRush. Strumento SEO approfondito ma che va anche oltre con report di analisi di mercato, oltre al confronto competitor e posizionamenti.
Un altro tool imprescindibile è Screaming Frog, l’emulatore del crawler di Google.

Leggi anche il libro il Massimo Fattoretto: Seo per store manager. Guida all’acquisizione di un metodo per ottimizzare e dare maggiore visibilità al tuo e-commerce, brand o azienda

È stato per me un vero piacere intervistare Massimo Fattoretto, che ringrazio nuovamente per aver accettato l’invito.

Metti un like se questo articolo ti è stato utile e condividilo con i tuoi amici

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su twitter
Twitter
Giuseppe Noschese

Giuseppe Noschese

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi che continui a scrivere contenuti utili, considera la possibilità di aiutarmi a trovare nuovi spunti, regalami un libro dalla mia lista Amazon. 😉

Cerca
Giuseppe Noschese
Giuseppe Noschese

Consulente ecommerce e formatore. Affianco le imprese e le aiuto a raggiungere gli obiettivi di business.

Associate Partner yourDIGITAL
PrestaShop Ambassador
Co-Founder Ecommerce HUB