Come implementare le tecniche SEO per l’e-commerce in PrestaShop

come implementare le tecniche seo per ecommerce prestashop

Oggi ho il piacere di ospitare Lucia Isone consulente e-commerce e SEO che ci illustrerà come strutturare lato SEO un e-commerce realizzato con PrestaShop partendo dalla home page fino ad arrivare alla struttura e l’ottimizzazione delle categorie.

Chiunque lavori nel settore degli e-commerce sa quanto il mercato sia in costante crescita, soprattutto in Italia. Nonostante si pensi che i big delle vendite online come Amazon, eBay e Zalando, abbiano monopolizzato il comparto, in realtà esiste ancora molto spazio per i progetti di piccole e medie dimensioni.

Ovviamente oggi internet è diventato un ambiente estremamente competitivo, molto differente rispetto a quello di qualche anno fa. Per questo è fondamentale progettare la struttura del proprio e-commerce in base a un business plan accurato, partendo sempre dallo studio del mercato e del target. Bisogna puntare tutto sulla qualità del sito, sul marketing, sulla struttura dello shop online, sulle prestazioni della piattaforma e naturalmente sulla SEO.

Le strategie SEO rivestono un ruolo sempre più importante per creare un e-commerce di successo, perché consentono di ottimizzare il sito per i motori di ricerca, di migliorare la user experience degli utenti e di realizzare una base solida sulla quale applicare tutte quelle tecniche di sponsorizzazione e sviluppo del brand. Naturalmente bisogna sapere come e dove intervenire, per questo ho da poco pubblicato il mio ultimo libro “Strategie SEO per l’e-commerce. Una guida completa per qualsiasi piattaforma.”, edito da Hoepli.

All’interno del libro spiego dettagliatamente come applicare le strategie SEO nel proprio e-commerce, per correggere gli errori, ottimizzare la piattaforma e aumentare le conversioni, quindi le vendite e il fatturato. In tutti questi anni ho lavorato con tantissimi clienti sia in Italia che all’estero, affinando le mie conoscenze ed esperienze nell’ambito della SEO per gli e-commerce, per metterle al servizio degli imprenditori digitali.

Oggi voglio parlarvi proprio delle tecniche SEO per gli e-commerce, in particolare come implementarle all’interno del CMS PrestaShop, uno degli migliori software per realizzare e gestire uno shop online. Vedremo brevemente come ottimizzare la struttura del sito, dalla homepage alle pagine delle categorie, una piccola guida per capire come sfruttare tutte le potenzialità offerte da PrestaShop.

Per gli approfondimenti potete leggere la mia ultima guida “Strategie SEO per l’e-commerce“, oppure visitare il mio sito dove offro servizi di consulenza per PrestaShop.

Strategie SEO per l’e-commerce realizzate con PrestaShop

Come accennato in questa mini guida vedremo come utilizzare la SEO e le funzionalità di PrestaShop per ottimizzare un e-commerce. In particolare analizzeremo come strutturare la homepage e le pagine di categoria all’interno del CMS. Partiamo proprio dalla pagina principale, la homepage del sito.

La homepage dell’e-commerce in PrestaShop: una vetrina funzionale

Quando si progetta la homepage è importante capire innanzitutto qual è il suo ruolo nella strategia complessiva del proprio e-commerce. Bisogna pensare alla homepage come a una vetrina, non legata direttamente alle conversioni, ovvero alle vendite, ma a una funzione di guida, di presentazione e strettamente connessa al brand marketing. La pagina principale dell’e-commerce è l’insegna dello shop online, sulla quale bisogna incentrare le campagne di sponsorizzazione del marchio e la link building sul brand.

Allo stesso tempo la homepage deve essere funzionale, cioè guidare gli utenti alla scoperta del sito. Se prendiamo in esame e-commerce di successo come Amazon o Zalando, notiamo alcune caratteristiche comuni. Per esempio è evidente come nessun elemento sia lasciato al caso, ma tutte le componenti della homepage siano studiate per raggiungere un obiettivo.

La grafica, i colori, le immagini, il testo, la posizione degli elementi, le Call to Action, i link, tutte queste componenti sono inserite in una struttura estremamente pianificata, coadiuvata dall’utilizzo di sistemi di intelligenza artificiale per offrire un contenuto personalizzato per ogni utente. Naturalmente ci vogliono investimenti ingenti per ottenere risultati simili, ma anche in un progetto modesto è possibile inserire una struttura perfettamente ottimizzata e funzionale, utilizzando proprio la SEO e le funzionalità di PrestaShop.

Gli elementi fondamentali per una homepage perfetta sono:

  • semplicità;
  • grafica non invadente;
  • funzionalità;
  • visione delle categorie principali;
  • presenza degli ultimi arrivi;
  • evidenzia dei prodotti più popolari;
  • Call to Action;
  • Carosello aggiornato in base al periodo;
  • certificazioni e note legali e societarie.

La scelta del template in PrestaShop: il tema dell’e-commerce

Prima di procedere con le impostazioni delle pagine statiche, è necessario installare un template che risponda alle esigenze del proprio business. Quello nativo di PrestaShop è sicuramente funzionale e abbastanza completo, ma si possono acquistare temi già personalizzati e predisposti per un tipo di attività commerciale specifica, per risparmiare tempo e trovarsi subito alcune funzionalità aggiuntive.

Sul sito ufficiale PrestaShop Addons sono presenti innumerevoli template suddivisi per categorie, con prezzi che vanno da poche decine di euro fino a diverse centinaia. Oltre al costo, per scegliere il tema giusto bisogna valutarne le prestazioni, assicurandosi che sia responsive quindi ottimizzato per i dispositivi mobili, perfettamente compatibile e provvisto di una struttura simile a quella del proprio progetto.

L’installazione del tema su PrestaShop è veramente semplice. Dopo aver scaricato il template in un file zippato basta andare nel pannello di controllo, entrare nella sezione “moduli”, “cerca” e cliccare su “import/export di un tema”. PrestaShop mostra il file già installato, quindi per cambiarlo basta selezionare “configura”, “importa dal computer” e caricare il file zip precedentemente scaricato.

Infine cliccando su “successivo” PrestaShop procede automaticamente all’installazione del nuovo tema, mostrando una schermata verde in caso di successo dell’operazione. In alternativa di può installare il tema tramite FTP, utilizzando il software FileZilla, ma serve qualche conoscenza tecnica in più rispetto al primo metodo.

Se ti sta piacendo questo articolo, e non lo hai ancora fatto, metti un Mi Piace alla mia pagina, grazie ;)

L’impostazione base della homepage in PrestaShop

Come abbiamo visto il template nativo di PrestaShop offre già un’ampia gamma di funzionalità, per modificare la homepage dell’e-commerce e adeguarla al proprio shop online. Ovviamente per progetti più complessi è possibile utilizzare dei moduli aggiuntivi e dei template a pagamento, oppure intervenire direttamente nel codice sorgente attraverso la programmazione. Tralasciando quest’ultima customizzazione, per lo più riservata a siti di vendita di alto livello, vediamo come ottimizzare la homepage dell’e-commerce tramite le funzioni di base.

Come sempre entriamo nel pannello di amministrazione, il back office, e iniziamo a intervenire tramite la configurazione dei moduli. La homepage infatti si modifica utilizzando proprio i moduli di PrestaShop, una funzione che ci permette di lavorare settorialmente facilitandoci di molto il lavoro.

Per comodità possiamo dividere la pagina principale in tre sezioni principali, la parte superiore della schermata, la parte centrale, quella dove appaiono i caroselli, le categorie, i prodotti in evidenza e gli ultimi arrivi, e quella finale, chiamata in gergo tecnico il footer. Per creare una homepage di qualità dobbiamo curare con particolare attenzione tutte queste tre parti, soprattutto quella superiore perché è la prima sezione della pagina a caricarsi e il contatto iniziale che l’utente ha con l’e-commerce.

Per modificarla selezioniamo “editor homepage” e clicchiamo su “configura”. Per prima cosa ci viene chiesto il titolo della pagina, che in questo caso corrisponde al nome dell’e-commerce. Oltre al nome del brand è possibile aggiungere un breve sottotitolo, una sorta di slogan. Nel caso non risultasse chiaro dal nome del brand di cosa ci si occupa, allora potrebbe essere utile inserire la denominazione dello shop, per esempio “nome sito – tecnologia ed elettronica”, altrimenti basta il nome del marchio.

Subito dopo PrestaShop ci chiede un sottotitolo. Questa opzione è simile allo slogan, ma qui è possibile scrivere una descrizione leggermente più ampia. Consiglio però di non esagerare, quindi se inserite lo slogan evitate la descrizione del sottotitolo e viceversa. Dopodiché si può passare al testo introduttivo.

L’utilizzo del testo dipende molto dal progetto. Personalmente trovo molto più efficiente usare nella home le immagini e le vetrine, inserendo il testo solo se necessario e soltanto alla fine della pagina, prima del footer. Ma come detto non si tratta di una regola fissa, perché in alcuni siti di e-commerce un testo ottimizzato nella homepage può aiutare a fornire valore aggiunto alla pagina. L’editor della homepage ci consente infine di inserire il logo del marchio, “Logo della homepage”, di aggiungerci un link per reindizzare gli utenti qualora cliccassero sull’immagine e un sottotitolo.

Come personalizzare la homepage con PrestaShop

Una volta che abbiamo inserito i prodotti all’interno dell’e-commerce, PrestaShop ci aiuta a personalizzare l’homepage offrendoci la possibilità di creare e modificare la vetrina, i prodotti nuovi, quelli visti di recente e di inserire degli sconti in evidenza.

Per realizzare la vetrina nella homepage si utilizzano sempre i moduli, il cuore pulsante di questo CMS, selezionando questa volta il modulo “Prodotti in vetrina sulla homepage” e cliccando sul pulsante “configura”. Nella schermata delle impostazioni si possono effettuare alcune modifiche, tra cui scegliere il numero di prodotti da far visualizzare. Per selezionare invece i prodotti specifici che andranno a comporre la vetrina è necessario modificare le singole schede dei prodotti.

Bisogna cercare le pagine di interesse tramite il “Catalogo”, aprire la scheda specifica del prodotto e nelle “categorie associate” va selezionata la voce “homepage”. In modo semplice e veloce si può realizzare una vetrina e aggiornarla costantemente, per spingere nella pagina principale i prodotti di punta o quelli che offrono i margini migliori e i tassi di conversione più profittevoli.

Oltre alla vetrina possiamo far apparire nella home i nuovi prodotti e quelli visti di recente. Utilizziamo sempre i moduli, questa volta selezionando “Blocco nuovi prodotti”. PrestaShop può gestire questa funzione in maniera del tutto automatica, in base alla data di creazione delle schede prodotto, ma si può scegliere il numero di prodotti da far visualizzare oppure intervenire con dei moduli aggiuntivi.

Lo stesso vale per i prodotti visti di recente, per i quali è possibile indicarne il numero tramite la configurazione del modulo “prodotti visti”. Per quanto riguarda gli sconti invece, il modulo nativo di PrestaShop permette di scegliere se mostrare gli sconti ogni volta che questi sono presenti sui vari prodotti, quindi sfruttando la funzione di default del modulo “offerte speciali”. Gli sconti quindi vanno applicati sui singoli prodotti, per poi consentire al CMS di metterli in evidenza nella homepage.

La struttura delle categorie e del catalogo dell’e-commerce

Se la homepage rappresenta la vetrina dell’e-commerce, l’insegna del proprio negozio virtuale, le categorie corrispondono invece alla spina dorsale dell’intero sito, i piloni portanti della struttura del sito. La gestione delle categorie è fondamentale in un e-commerce. Spesso le pagine di categoria vengono completamente abbandonate a se stesse, un errore madornale che si paga sempre a caro prezzo. Invece bisogna sfruttarle al massimo, pensando alle categorie come a delle landing page, cioè a delle pagine di atterraggio.

Ovviamente se nelle landing page l’obiettivo è massimizzare le conversioni aumentando le vendite di beni e servizi, nelle pagine di categoria gli obiettivi differenti. In questo caso bisogna pensare a come le categorie possono rendere il sito facilmente navigabile dagli utenti, creare interesse, anticipare gli intenti dei potenziali clienti e mostrare alcuni servizi importanti, come ad esempio la presenza della spedizione gratuita e le offerte del momento.

Il primo aspetto da curare è la scelta delle categorie in base alla struttura dell’e-commerce. Quasi sempre le categorie vengono ottimizzate per le parole chiave di tipo short tail, quindi per le keyword ad alta concorrenza con elevati volumi di ricerca. Per esempio se l’e-commerce si occupa di elettronica le categorie principali potrebbero concorrere su keyword come “smartphone”, “tablet”, “droni” e “televisori”.

Trattandosi di parole chiave complesse, per guadagnare le prime posizioni delle SERP di Google queste pagine devono essere perfettamente ottimizzate in ottica SEO, ma anche spinte dalla link building interna e da quella esterna. Si tratta di un processo lungo e costoso, che richiede tempo e risorse. Altrettanto importante per un e-commerce è la gestione delle sottocategorie, che consentono di migliorare la navigabilità del sito, di migliorarne il posizionamento e di spingere le categorie principali con i link interni.

Possiamo pensare alla classica struttura a silo, sempre molto efficace, quindi a un menù del tipo “televisori”, “televisori Samsung”, “televisori Samsung 32 pollici”. Ogni pagina di sottocategoria concorrerà per una parola chiave non più di tipo short tail, ma questa volta long tail, perciò con bassi volumi di ricerca e una concorrenza decisamente minore. Vediamo adesso come creare una pagina di categoria perfettamente ottimizzata lato SEO con PrestaShop.

Creazione e gestione delle pagine di categoria in PrestaShop

L’impostazione delle categorie in un e-commerce con PrestaShop avviene nella sezione “categorie”, contenuta all’interno del menù relativo al “catalogo”. Cliccando su “modifica”, per cambiare una pagina di categoria già esistente, oppure su “Aggiungi nuova categoria”, per crearne una da zero, si possono gestire tutte le funzionalità offerte dal CMS per personalizzare queste pagine.

Come accennato il nome della pagina deve rispondere alle esigenze della struttura dell’e-commerce, in base alla parola chiave di riferimento. PrestaShop ci permette di non mostrare la pagina fino a che non sarà pronta, selezionando “NO” nella modalità “mostrata”. Un’altra impostazione riguarda il collegamento della pagina con il quale possiamo scegliere se stiamo creando una sottocategoria o una categoria principale. Nel primo caso sarà necessario segnalare la pagina madre della sottocategoria, altrimenti non bisogna selezionare nulla.

In seguito è possibile inserire una descrizione, un’immagine di copertina e una miniatura che verrà visualizzata nei menù di ricerca al passaggio del mouse sopra la voce. Infine si passa alle impostazioni più strettamente legate alla SEO. PrestaShop ci aiuta a inserire il tag Title della categoria, il nome della pagina che apparirà nei risultati di ricerca, molto importante per il posizionamento nelle SERP, la metadescription, per invogliare gli utenti a cliccare ed entrare nella pagina e l’indirizzo URL.

Personalmente consiglio di impostare le URL secondo uno schema molto semplice, che rispecchi le categorie ma che non risulti eccessivamente lungo. Invece le metadescription, sebbene non siano utili per il posizionamento, aiutano ad aumentare il CTR quindi vanno curate tenendo presente gli utenti. Bisogna lavorare per le persone che navigano sul sito creando interesse all’approfondimento, utilizzando Call to Action e parole chiave come “offerte”, “i migliori”, “2018”, “sconti”, “promozioni”, “ultimi modelli” e così via.

Se non lo hai ancora fatto, fallo adesso, metti un Mi Piace alla mia pagina, grazie ;)

Ottimizzazione SEO delle pagine di categoria in PrestaShop

Oltre all’uso dei tag nelle categorie è importante curare la user experience e la SEO, ottimizzando le pagine sia per gli utenti che per i motori di ricerca. Per ottenere dei risultati soddisfacenti bisogna utilizzare le immagini e il testo strategicamente. In particolare le immagini sono fondamentali, perché consentono di colpire l’attenzione dell’utente, maggiormente stimolato dai contenuti visivi che da quelli testuali.

Per capire come procedere prendiamo spunto da un ecommerce di successo come Zalando, un progetto che da sempre ha puntato molto sulla SEO. Se entriamo in una categoria di Zalando notiamo come le immagini monopolizzino l’attenzione, comunicando cosa l’e-commerce sia in grado di offrirci. Il tutto avviene in sinergia con il menù delle categorie, che rimane fisso durante lo scorrimento della pagina, mentre in alto sono presenti una serie di filtri per trovare velocemente il prodotto che ci interessa.

Infine in fondo alla pagina c’è il testo, un breve contenuto perfettamente ottimizzato sulle parole chiave di riferimento, che offre del valore aggiunto e un approfondimento per gli utenti, ma allo stesso contribuisce al posizionamento della categoria sui motori di ricerca e permette di inserire link interni per la navigazione e il passaggio della link juice.

Altrettanto si vede su Amazon, dove sono presenti i filtri per la ricerca personalizzata, le sottocategorie, le immagini con i link di reindirizzamento, le informazioni sul prezzo, sullo sconto e sul punteggio delle recensioni dei prodotti, gli articoli in primo piano e alcuni prodotti correlati. Con PrestaShop possiamo ottenere dei risultati simili, utilizzando i moduli nativi del CMS e all’occorrenza integrando le funzionalità dell’e-commerce con la programmazione, oppure usando dei moduli aggiuntivi.

Come abbiamo visto ottimizzare un e-commerce con le strategie SEO è un lavoro complesso, che parte dalla progettazione stessa della piattaforma e coinvolge tutte le fasi di sviluppo, dalla creazione dei contenuti alla gestione dello shop, fino alla sponsorizzazione del brand e dei singoli prodotti. La routine di un SEO si basa sull’analisi dei dati, ottenuti sia manualmente che tramite tool appositi come SEOZoom, SemRush, Google Analytics e la Search Console. Ma quello che conta di più nel web è l’esperienza, basata su anni di progetti, di servizi e di sfide quotidiane.

Per chiunque volesse approfondire l’argomento rinnovo l’invito a leggere il mio ultimo libro, “Strategie SEO per l’e-commerce. Una guida completa per qualsiasi piattaforma.”, che potete acquistare qui:

[amazon_link asins=’B071Z9QK7W’ template=’ProductGrid’ store=’giuseppenosch-21′ marketplace=’IT’ link_id=’278acd7d-2ebb-11e8-9d03-0b03f48178e2′]

oppure a scaricare il mio e-book su PrestaShop 1.6.

Guest post di Lucia Isone, web master freelance, autrice del libro”Strategie SEO per l’e-commerce.”

 

Facebook 0
LinkedIn 0
Twitter
Giuseppe Noschese
Giuseppe Noschese

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi che continui a scrivere contenuti utili, considera la possibilità di aiutarmi a trovare nuovi spunti, regalami un libro dalla mia lista Amazon. :)

Lascia un commento

Cerca
Giuseppe Noschese
Giuseppe Noschese

Consulente digitale, formatore e ecommerce manager, affianco le imprese e le aiuto a raggiungere gli obiettivi di business.

Associate Partner yourDIGITAL
Event Manager Marketing Automation Academy
Co-Founder Ecommerce HUB
PrestaShop Ambassador
© Copyright 2018 - Giuseppe Noschese