Strategia Oceano Blu: come vincere senza competere

strategia oceano blu come vincere senza competere

Sei un imprenditore? Sicuramente il tuo obiettivo è rendere la tua attività redditizia nel lungo periodo. Ma come fare? Oggi ti spiegherò come ottenere brillanti risultati con la Strategia Oceano Blu, un approccio che ti consentirà di navigare in acque sconosciute e attirare nuove fette di mercato, piuttosto che rimanere bloccato in una spietata lotta concorrenziale senza via di uscita.

Strategia Oceano blu: cos’è?

Strategia Oceano Blu (Blue Ocean Strategy: How to create uncontested market space and make the competition irrelevant) è un libro scritto nel 2005 da W. Chan Kim e Renée Mauborgne, professori di Strategia presso l’INSEAD (Francia), una delle business school più prestigiose al mondo.

Se sei un imprenditore, non puoi fare a meno di consultare questo libro e trarre spunti interessanti per “Vincere senza combattere” come recita il sottotitolo del libro, imparando a pensare out of the box, così da distiguerti in un mercato saturo e sovraffolato.

Strategia Oceano Blu riassunto: Scarica qui >>

Acquista: Strategia Oceano Blu su Amazon >>

La Strategia Oceano Blu è la teoria in base alla quale i mercati, in cui qualunque tipo di impresa si trova ad operare, sono metaforicamente visti come oceani paralleli, l’oceano rosso e l’oceano blu, a seconda dell’approccio che si decide di avere.

Oceano Rosso e Oceano Blu

L’Oceano si tinge di rosso quando un’azienda che si affaccia sul mercato trova un’aspra competizione. A quel punto, la stessa azienda cercherà di prevalere sulla concorrenza con una guerra di prezzi al ribasso per guadagnare quote di mercato e farsi spazio, causando una reazione a catena, perché le imprese già presenti nel mercato inizieranno ad applicare la stessa strategia per non perdere i propri clienti. In breve tempo, quel pezzo di oceano diventerà cruento, tingendosi di rosso e trasformandosi in un luogo nel quale è molto difficile farsi spazio.

In questa situazione, l’approccio che gli autori propongono è non mettere la competizione al centro della strategia, bensì il cliente per creare un nuovo mercato e trovare il proprio Oceano Blu.

L’Oceano Blu, al contrario del precedente, è uno spazio di mercato incontrastato, un luogo nel quale creare una nuova domanda. Creare il proprio Oceano Blu, significa differenziarsi dagli altri e definire nuovi confini, dove non ci sono ancora competitor e dove la competizione non ha alcuno spazio.

Ti chiederai a questo punto, come può un’azienda abbandonare l’Oceano Rosso della concorrenza spietata? Come può riuscire a dar vita ad un Oceano Blu? La risposta risiede nell’approccio strategico.

Strategia Oceano Blu: come funziona

Vuoi creare un’attività imprenditoriale di successo? Per conquistare un mercato nuovo e libero da concorrenti, devi puntare all’innovazione e proporre prodotti e servizi che i clienti non conoscono.

Per prima cosa, dovrai analizzare il mercato attuale e mappare il quadro strategico, per fotografare lo stato attuale del mercato già esistente.

Punterai poi al prodotto: per creare un prodotto nuovo non necessariamente ti servirà una nuova tecnologia, ma potrai anche proporre un prodotto preesistente da una diversa prospettiva, in grado di conquistare un target non interessato al prodotto originale.

Il punto di partenza sono le aspettative dei consumatori rispetto ad un nuovo prodotto, che si possono rappresentare su una curva di valori: su un asse della curva posizionerai le caratteristiche del prodotto, sull’altro asse, l’importanza di quella caratteristica sui clienti. Inserite le preferenze dei consumatori, potrai confrontare i dati con l’offerta già presente sul mercato, per capire come differenziarti e proporre un’offerta innovativa e di valore.

Potrai quindi creare, con i risultati ottenuti, il Framework della quattro azioni, un metodo in quattro fasi per sviluppare un nuovo mercato e navigare nell’Oceano Blu:

  • Eliminazione. Tra i fattori su cui ruota la concorrenza ma che non sono graditi ai consumatori, quali andrebbero eliminati?
  • Riduzione. Quali fattori, che il target non ritiene importanti, andrebbero ridotti ben al di sotto dello standard di settore?
  • Aumento. Quali fattori di valore andrebbero aumentati ben al di sopra dello standard di settore?
  • Creazione. Quali fattori, mai offerti dal settore, dovrebbero essere creati per avere un prodotto innovativo e un nuovo mercato?

A questo punto avrai formulato la tua Strategia Oceano Blu: non ti resta che affinarla e renderla operativa.

Se vuoi, ascolta il podcast della puntata di Cultura Digitale su Strategia Oceano Blu 

Perché rinnovare gli Oceani blu

Una cosa da tenere presente è che non esistono aziende capaci di mantenere un alto livello di performance perennemente. Non è pensabile che, creato un nuovo mercato, resterai per sempre da solo su quel mercato, perché nel tempo entreranno nel mercato nuovi attori, che inizieranno a competere.

Secondo gli autori di Strategia Oceano Blu, le aziende che seguono questo approccio riescono a mantenere il proprio dominio sul nuovo mercato in media 10-15 anni. Ma cosa fare dopo?

Con la Strategia Oceano Blu, non bisogna mai avere un approccio statico ma, non appena le curve dei concorrenti cominciano ad affiancarsi nuovamente alla tua, dovrai ri-mappare la tua curva del valore sul quadro strategico e disegnare quelle dei concorrenti per visualizzare il grado di imitazione e trovare nuove strategie.

Un esempio di Strategia Oceano blu che funziona

Gli autori del libro Strategia Oceano Blu analizzano 150 casi di aziende che hanno adottato tale strategia, operando per diversi anni nei propri mercati senza concorrenza.

Voglio proporti però uno degli esempi più calzanti presentati nel libro, per permetterti di toccare con mano il successo cui tale approccio innovativo potrebbe condurti: il Cirque du Soleil.

La strategia Blue Ocean del Cirque Du Soleil

Fondato nel 1984 in Canada, il format del Cirque du Soleil prevede una struttura a metà tra lo spettacolo circense e l’atmosfera teatrale, che ha permesso di trovare una via d’uscita all’oceano rosso in cui stava sprofondando il settore del circo, in cui buona parte del pubblico non accettava più le terribili afflizioni inferte agli animali.

Proprio in questo i creatori del Cirque du Soleil si sono differenziati: hanno creato un mercato che fino a quel momento non era presidiato, eliminando completamente le attrazioni legate agli animali e ampliando l’offerta di musica live e danza. Come hanno fatto?

Applicando l’approccio della strategia Oceano blu, questi imprenditori hanno studiato il loro mercato di provenienza e hanno applicato proprio il concetto di innovazione di valore, ponendosi le domande alla base del framework della quattro azioni. Hanno creato così un prodotto nuovo e di successo, continuamente rinnovato, per attirare i visitatori a ritornare.

Se vuoi, guarda della puntata di Cultura Digitale su Strategia Oceano Blu 

Strategia Oceano Blu: perché leggerlo

Siamo arrivati alla conclusione di questo excursus su Strategia oceano blu, un libro che, se sei un imprenditore, a mio parere non potrai fare a meno di leggere. Il libro è chiaro e semplice, arricchito da esempi funzionali schemi e tabelle che sintetizzano perfettamente il contenuto.

Attraverso questo libro, capirai che:

  • La competizione non dovrebbe stare mai al centro del pensiero strategico.
  • Negli Oceani Blu, la concorrenza è irrilevante perché non esiste.
  • Ogni azienda che vuole innovarsi non deve focalizzarsi sui clienti, ma sui non-clienti che potrebbe attirare.
  • La creazione di un oceano blu non è un obiettivo statico, ma un processo dinamico.
  • Per attuare la strategia e motivare i dipendenti a farlo, è necessario sviluppare una cultura basata sulla fiducia e sul commitment per motivarli.

Se vuoi aggiungerlo alla tua libreria, acquista: Strategia Oceano Blu su Amazon >>

Ed ora non ti resta che rivedere il tuo approccio e applicare la Strategia Oceano Blu alla tua attività. Se invece l’hai già applicata e hai un esempio di successo da raccontarmi, ti aspetto nei commenti.

Lascia un commento

Metti un like se questo articolo ti è stato utile e condividilo con i tuoi amici

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su twitter
Twitter
Giuseppe Noschese

Giuseppe Noschese

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi che continui a scrivere contenuti utili, considera la possibilità di aiutarmi a trovare nuovi spunti, regalami un libro dalla mia lista Amazon. :)

Cerca
Giuseppe Noschese
Giuseppe Noschese

Consulente ecommerce e formatore. Affianco le imprese e le aiuto a raggiungere gli obiettivi di business.

Associate Partner yourDIGITAL
PrestaShop Ambassador
Co-Founder Ecommerce HUB