Cos’è l’Inbound Marketing e come metterlo in pratica

cos e inbound marketing e come metterlo in pratica

Se hai un e-commerce o se ti interessi di digital marketing ne hai sicuramente già sentito parlare: è l’Inbound Marketing. Di cosa si tratta? Possiamo dire per riassumere moltissimo che si tratta di strategie digitali che mirano al farsi trovare da persone già interessate al nostro brand, prodotto o servizio. Queste strategie lavorano per attirare chi è già interessato, verso il proprio business, farlo diventare lead, poi cliente, infine promotore.

In questo articolo scenderò più in profondità e ti parlerò degli aspetti fondamentali di queste strategie e degli strumenti principali per metterle in pratica.

Inbound Marketing cosa significa?

L’Inbound Marketing possiamo dire che sia il marketing che le persone amano.

Questo termine è stato per la prima volta usato da HubSpot, azienda statunitense sviluppatrice di software per il marketing, che lo definisce “un approccio di marketing olistico e guidato dai dati, per attrarre visitatori verso il proprio sito web e convertirli in clienti”. 

Citerò un’altra frase chiave da HubSpot, per comprendere in poche parole cos’è l’Inbound Marketing:

“Inbound Marketing è una metodologia di business che attrae i clienti creando contenuti di valore ed esperienze su misura per loro. Mentre l’Outbound Marketing interrompe il tuo pubblico con contenuti che non sempre desidera – come la pubblicità in tv durante un film, aggiungo io – Inbound Marketing crea le connessioni che loro stanno cercando e risolve i problemi che già hanno.”

È facilmente intuibile che il cuore dell’Inbound Marketing è la creazione e diffusione di contenuti di valore che rispondano alle domande dei potenziali clienti e che soddisfino i loro reali bisogni.

L’Inbound Marketing vuole attrarre clienti e aiutarli e in questo il ruolo del content marketing è assolutamente centrale.

Il metodo Inbound Marketing

l’Inbound Marketing è un vero e proprio metodo che si applica all’intero ciclo del customer journey, il processo d’acquisto.

Il customer journey è fatto di diverse fasi:

  • una persona prende conoscenza dell’esistenza dell’azienda
  • interagisce entrando in contatto con l’azienda
  • acquista
  • torna per altri acquisti

A ogni fase devono corrispondere diverse strategie e azioni di marketing, qui ci viene in aiuto anche la Marketing Automation, e anche la creazione di differenti contenuti: i contenuti devono essere quelli giusti, nel posto giusto e al momento giusto, vedremo più avanti in che modo sarà possibile farlo.

Un caposaldo dell’Inbound Marketing è proprio quello di allineare i contenuti agli interessi degli utenti e fornirglieli nel migliore contesto.

Questo fa sì che l’Inbound Marketing sia anche multi-canale, perché si fa trovare dove le persone cercano: social, blog, casella email, ecc.

Inbound, funnel e flywheel

La nuova metodologia dell’inbound la possiamo immaginare come circolare ed è per questo che il nuovo modello è un volano, il Flywheel Model, dove le persone sono considerate una vera forza trainante.

Il modello a imbuto, il funnel, non viene soppiantato ma inglobato. Si struttureranno diversi funnel all’interno del modello flywheel ma nella sua globalità la metodologia è da pensare e strutturare in maniera circolare.

Le tre parti che caratterizzano questo volano sono

  1. attrazione
  2. coinvolgimento
  3. delizia

Con la forza di queste tre parti che lavorano in sinergia, puoi offrire un’esperienza cliente straordinaria.

Attrazione

Lo scopo è quello di attirare le persone interessate con contenuti di valore che aumentano la tua brand reputation rendendoti il consulente di fiducia con cui desiderano interagire.

Coinvolgimento

Offri soluzioni e approfondimenti che ai bisogni e obiettivi delle persone in ​​modo che abbiano il desiderio di acquistare da te perché riconoscono i tuoi prodotti o servizi come un aiuto.

Delizia

Fai felici i tuoi clienti con aiuto e supporto costanti per aiutare i tuoi clienti a ottenere il massimo con il loro acquisto.

Quando i clienti sono soddisfatti, lo condividono con altre persone che vengono attratte diventando nuovi potenziali clienti, in questo modo si crea un circolo virtuoso e autosufficiente.

Gli strumenti per fare Inbound Marketing

Con alcuni dei molteplici strumenti e canali che Internet mette a disposizione puoi ottenere il massimo da ogni parte del volano e mettere in pratica al meglio il metodo inbound.

Ma attenzione, la linea rossa tra una forma invasiva di marketing e una inbound non dipende dallo strumento che utilizzi, ma da come lo utilizzi. Pensiamo alle email, sono un eccellente strumento inbound ma si possono usare anche per il marketing invasivo.

Ogni parte del flywheel ha i suoi specifici mezzi e modi diversi per utilizzarli.

I principali strumenti dell’Inbound Marketing per attirare

  1. Blogging
    L’inbound marketing ha il suo cuore nei contenuti e quindi cosa c’è di meglio di un blog?
    Un blog attira nuovi visitatori al tuo sito web tramite le richieste degli utenti ai motori di ricerca, se sfrutti le tecniche di SEO copywriting, e inoltre con la creazione di articoli di valore e aggiornati, che rispondono alle domande dei prospect e offrono informazioni utili potrai dimostrare la tua competenza.

    Leggi il mio articolo Ricerca parole chiave: come farla per una strategia SEO da veri pro

  2. Ads
    Con ads profilate raggiungerai solo le persone potenzialmente interessate e con il retargeting solo chi già si è dimostrato davvero interessato. Potrai anche usare le Facebook ads per promuovere i post del tuo blog, quindi contenuti di valore pertinenti il tuo target.
    Non perderai tempo e non lo farai perdere agli utenti cercando di vendere il ghiaccio agli eschimesi.
  3. Contenuti sui Social Media
    Essere presenti sui motori di ricerca e avere un canale proprietario come un blog è indispensabile, ma oggi tutti noi passiamo moltissimo tempo su social media come Facebook e Instagram. Anche lì dovrai essere presente con i tuoi contenuti.

Gli strumenti di Inbound Marketing più importanti per coinvolgere

  1. Marketing conversazionale sui social media
    I social media sono il posto dove mettere in pratica anche il marketing conversazionale perché sono il regno della comunicazione bi-direzionale. Non dovrai solo creare contenuti ma anche usarli per interagire con i tuoi potenziali clienti. Puoi anche sfruttare un bot, ma che sia gestito e curato in ogni dettaglio da un professionista esperto per non inficiare la user experience.
  2. Email marketing automation
    Con l’email marketing automation potrai dare le giuste informazioni alla persona giusta e nel giusto momento, ogni volta.
    L’email marketing è un’efficace strategia che comporta l’invio di email differenziate in base al comportamento e interessi del cliente.

Infine, alcuni strumenti da usare per deliziare i tuoi clienti:

  1. Customer care sui Social Media
    Sui social ci sono tutti, essere presente con la tua assistenza ai clienti in tempo reale ti consente di migliorare l’esperienza cliente e di continuare a produrre contenuti utili e di valore. Non solo sulla tua pagina o profilo ma anche nei gruppi Facebook o altre community. Questi sono luoghi ideali per continuare a interagire con la propria clientela.
  2. Customer nurturing con email marketing automation
    L’email marketing non è solo un ottimo strumento per preparare i lead all’acquisto: è anche di grande aiuto per continuare a interagire con chi è già cliente e continuare a nutrire il rapporto anche dopo l’acquisto per mantenere la fiducia, attraverso sequenze specifiche di email anch’esse segmentate e differenziate in base alle preferenze degli utenti.

    Leggi il mio articolo Che differenza c’è tra DEM, newsletter ed email marketing automation?

Infine non dimentichiamo che l’Email Marketing Automation è solo una piccola parte dell’intero processo ma a monte ci deve essere la capacità di specialisti di Marketing Automation e del Management che gestiscano nel modo giusto il rapporto con i lead e organizzino i contatti in base alle specifiche necessità ed esigenze, coltivando un rapporto che deve tendere soprattutto ad inviare alle persone giuste il messaggio giusto, incrociando dati e puntando alla precisione.

Per approfondire leggi qui il mio articolo Cos’è la Marketing Automation e perché dovresti averla

Conclusioni sull’Inbound Marketing

Voglio concludere questo articolo con alcuni concetti chiave di questa filosofia di marketing:

  • la spontaneità dell’azione della persona che viene attratta dal brand
  • dare valore attraverso i contenuti e un’esperienza cliente fluida e piacevole
  • interazione di qualità nelle conversazioni con lead e clienti
  • al centro c’è la fidelizzazione dei clienti che alimentano il flywheel
  • tra clienti e azienda c’è un rapporto

Metti un like se questo articolo ti è stato utile e condividilo con i tuoi amici

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su twitter
Twitter
Giuseppe Noschese

Giuseppe Noschese

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi che continui a scrivere contenuti utili, considera la possibilità di aiutarmi a trovare nuovi spunti, regalami un libro dalla mia lista Amazon. 😉

Cerca
Giuseppe Noschese
Giuseppe Noschese

Consulente ecommerce e formatore. Affianco le imprese e le aiuto a raggiungere gli obiettivi di business.

Associate Partner yourDIGITAL
PrestaShop Ambassador
Co-Founder Ecommerce HUB