E-commerce manager: cosa fa e come si diventa

e commerce manager cosa fa e come si diventa

L’e-commerce manager è la persona che letteralmente gestisce un’azienda e-commerce.

La definizione ti sembrerà piuttosto banale e va sicuramente approfondita, perché le sue competenze, i requisiti e le attività di cui si occupa sono tutt’altro che semplici.

Spesso mi piace definire l’e-commerce manager un multipotenziale, una persona capace di destreggiarsi in maniera efficace e flessibile in un ambito multi-disciplinare.

E quando avrai finito di leggere questo dettagliato articolo sulla figura dell’ecommerce manager, capirai perché dico questo e avrai certamente le idee più chiare sulla professione e su come diventarlo, se è quello che desideri.

Ovviamente, se hai già un ecommerce, è molto probabile che conoscerai già alcune delle cose di cui parleremo, ma potresti scoprirne altre di cui non sapevi l’esistenza, quindi non tergiversiamo oltre e cerchiamo di delineare un identikit dell’e-commerce manager, per poi approfondire cosa fa, quali sono i requisiti che deve possedere, come diventarlo e quanto guadagna, una delle informazioni che mi chiedono con maggiore frequenza.

Iniziamo subito!

Chi è l’e-commerce manager

Parlare di e-commerce manager (e commerce manager o ecommerce manager) significa delineare una figura estremamente complessa, ma ormai imprescindibile per chi vende online.

Certamente avrai notato negli ultimi anni la crescente richiesta del mercato del lavoro di figure specializzate nell’ambito dell’ecommerce management e se stai leggendo questo articolo è perché vuoi saperne di più e fare chiarezza su questa poliedrica figura.

Che si tratti di una piccola attività o di una grande azienda, infatti, l’e-commerce manager è la figura chiave necessaria per coordinare al meglio il lavoro del team preposto al settore della vendita online.

Chi è l’e commerce manager: nelle piccole aziende, talvolta il suo ruolo coincide con quello dell’imprenditore, nelle grandi aziende è, invece, un professionista adeguatamente formato che si occupa della gestione a 360° delle attività di vendita online e affianca l’imprenditore (se non ha pari posizione, lo segue immediatamente nell’organigramma aziendale, risponde e deve inviare report solo a lui).

Cosa fa l’ecommerce manager

L’ecommerce manager è una figura strategica di livello dirigenziale che si occupa della gestione di un ecommerce e del coordinamento di una serie di processi e figure che ruotano intorno alla vendita online.

Volendo essere pratici, l’e-commerce manager deve occuparsi di:

  • ideare un business: il manager deve progettare le strategie di vendita dell’ecommerce, dalla scelta della piattaforma all’integrazione con i sistemi di vendita alla gestione dell’offerta commerciale del sito e deve essere in grado di percepire, prima di altri, le tendenze del mercato per poter introdurre prodotti e servizi da implementare nell’ecommerce;
  • fissare degli obiettivi: il suo ruolo è delicato, ma possiamo dire che tra tutti, ha lo scopo di far aumentare il fatturato di un ecommerce e dunque le vendite online. Per far questo deve fissare di volta in volta degli obiettivi specifici;
  • pianifica e gestisce campagne di online marketing: la promozione è un’altra delle attività fondamentali per far decollare un business e un ecommerce manger non può trascurarla, ma soprattutto deve fare in modo che la strategia di comunicazione sia corerente e multicanale;
  • monitorare e analizzare le statistiche del sito per migliorare i risultati: il manager che si occupa dell’ecommerce non deve solo preoccuparsi di fissare gli obiettivi, ma deve soprattutto governare i processi e saper analizzare i dati ottenuti, anche dalle attività di marketing, per capire come migliorarli. In altre parole, deve capire su quali KPI concentrare l’attenzione e analizzarli (KPI > Key Performance Indicator, ovvero indicatori di prestazioni, metriche che devono essere minuziosamente analizzate per capire se si sta andando nella giusta direzione o meno).

Oltre a queste macro attività, l’ecommerce manager può e deve intervenire nella definizione delle politiche di prezzo, deve supervisionare i rapporti con i fornitori e interessarsi delle scelte editoriali.

Infine, ma non per importanza, uno degli aspetti che meglio che definisce il suo ruolo è la pianificazione e il coordinamento delle diverse attività.

L’e-commerce manager deve gestire e coordinare le diverse figure che ruotano intorno ad un e-commerce, le persone, cioè, che si occupano di:

– aggiornamento catalogo e contenuti del sito (es. copy, SEO);
– magazzino;
– logistica (confezionamento, spedizioni, gestione dei contatti con i vettori);
– customer care pre e post acquisto e gestione ordini, resi e cambi;
– social media management;
– sviluppo della piattaforma e integrazioni con eventuali programmi gestionali;
– grafica, fotografia e video;
– gestione dei pagamenti (incassi, riaccrediti, frodi);
– marketing e comunicazione (sistemi di marketing automation, attività di inbound marketing, email marketing, pubblicità a pagamento sui diversi canali, ecc.);
– aspetti legali (aspetti legati alla privacy e alle diverse legislazioni dei mercati in cui opera).

Ciascun reparto, che sia composto da una sola persona o da più di una, deve lavorare in sinergia con gli altri e l’e-commerce manager, proprio come un direttore d’orchestra, deve guidarli perfettamente per fare in modo che si armonizzino senza sovrapporsi. Ecco perché è fondamentale che conosca anche per grandi linee il lavoro di ciascuno, solo così potrà essere in grado di coordinare le attività in maniera adeguata, pur senza entrare nella fase operativa.

Inoltre, qualora la dimensione aziendale non sia tanto grande da prevedere una persona per ogni l’impiego distinto di tutte queste figure, alcuni aspetti vengono racchiusi nella sua figura.

Ma come si diventa ecommerce manager?

Come diventare e-commerce manger

Se sei davvero convinto di voler sapere come diventare e commerce manager, non devi far altro che acquisire le competenze che richiede la professione.

Ti dico subito che l’e-commerce è un mondo in continua evoluzione, pertanto la formazione, in questo settore, non finisce mai.

Non esistono corsi di laurea specifici in e-commerce management, che come hai visto è un ambito decisamente trasversale, ma gli spunti per studiare e formarsi sono tantissimi.

Da dove attingere tutte queste informazioni?

Oltre ai corsi online, le news che vengono continuamente pubblicate sul web, purché tu sappia distinguere quelle di valore, sono un ottimo punto di partenza per avere un’infarinatura generale. Puoi ad esempio sfruttare Google Alert per attivare delle parole chiave e leggere ciò che viene pubblicato su un determinato argomento.

Libri, ebook, articoli sui blog, riviste internazionali online, gruppi social, eventi di settore, sono altre fonti interessanti per studiare e diventare un e commerce manager preparato e sempre aggiornato. Ricorda che in questo settore è molto importante aggiornarsi continuamente.

A questo proposito, ti segnalo alcuni gruppi Facebook dove trovare contenuti gratuiti e dove potrai confrontarti con esperti nell’ambito dell’e-commerce management:

Da PrestaShop Ambassador, non posso fare a meno di segnalarti anche i gruppi verticali su PrestaShop dove trovare professionisti specializzati sulla piattaforma e-commerce, sempre pronti ad aiutarti:

Se poi, desideri qualcosa di più strutturato, posso segnalarti alcuni corsi per ecommerce manager tenuti da colleghi molto bravi e preparati sul tema:

Se ti sta piacendo questo articolo, e non lo hai ancora fatto, metti un Mi Piace alla mia pagina, grazie ;)

Quanto alle informazioni di cui hai bisogno, puoi sicuramente partire dalla tua formazione e dalle tue specifiche competenze, come abbiamo già detto.

Ad esempio, se sei un programmatore, devi approfondire le altre discipline e mirare ad ottenere nozioni di economia e marketing, devi saper sviluppare un business plan, studiare le tecniche SEO e sicuramente conoscere i social network, tanto per citarne solo alcuni.

Come ti dicevo, è importantissimo che tu abbia consapevolezza del lavoro di tutte le figure che ruotano intorno all’ecommerce per poter supervisionare.

Detto ciò, la teoria, la formazione e l’aggiornamento sono la base, ma la vera differenza la fa l’esperienza: solo iniziando a toccare con mano questo vasto mondo riuscirai ad acquisire il mindset che ti consente di immergerti nell’azienda e-commerce e portarla avanti.

Una precisazione è d’obbligo: ogni azienda è diversa, ha esigenze specifiche, una struttura propria, prodotti e obiettivi che possono anche essere molto differenti gli uni dagli altri. Ecco perché più che imparare ad utilizzare gli strumenti, più che conoscere a fondo le mere nozioni, devi cercare di acquisire la capacità di analisi dei dati specifici (approccio data-driven) di ciascuna realtà ecommerce e devi soprattutto capire ciò di cui l’azienda ha bisogno e come fare in modo che l’ottenga.

Insomma, ora è chiaro perché essere un e-commerce manager è davvero impegnativo e se da un lato è vero che è tra i profili più richiesti sul mercato, dall’altro non è semplice trovare una persona che abbia i requisiti necessari.

Vediamo insieme quali sono i requisiti e le competenze per diventare un ecommerce manager di successo.

Requisiti e competenze di un e commerce manager

Requisiti e competenze nella figura dell’ecommerce manager vanno di pari passo.

Sicuramente si tratta di elementi eterogenei che devono necessariamente convivere in un’unica persona e ci sono aspetti che possono essere acquisiti, come le competenze, altri che è preferibile siano ben radicati nel professionista, e parliamo dei requisiti.

Innanzitutto è necessario che l’e-commerce manager sia dotato di una buona dose di carisma e di fermezza, non guasta poi avere predisposizione all’ascolto e capacità di analisi, sintesi e di organizzazione.

Un altro requisito importante per un e-commerce manager è la capacità di valorizzare ciascuna figura, comprendere ciò per cui sono portati e affidare loro compiti specifici secondo le rispettive capacità.

Deve insomma essere un leader, con una vivace intelligenza emotiva, controllo di sé e capacità di problem solving.

Dal punto di vista professionale, è fondamentale è la visione strategica.

L’obiettivo di questi requisiti è far sì che possa coordinare al meglio le persone e far incastrare perfettamente tutti gli ingranaggi.

Quanto alle competenze, devono necessariamente essere vaste e trasversali, basti dare un’occhiata a tutte le attività e le professionalità di cui deve occuparsi e che deve coordinare, che già diventa più chiaro quali sono le competenze che gli vengono richieste.

Nello specifico, un ecommerce manager deve avere le competenze di un programmatore, nozioni di SEO e SEM, capacità economico-commerciali e di marketing, conoscenze di logistica e trasporti, affiliazioni, ma soprattutto abilità nel leggere i dati e prendere decisioni in funzione degli obiettivi.

Il professionista deve anche essere in grado di svolgere analisi di mercato e creare un business plan per capire la reale fattibilità finanziaria ed economica del progetto ecommerce.

Non dimenticare che non tutti i beni sono adatti alla vendita online e un buon e-commerce manager deve anche essere in grado, come abbiamo visto, di svolgere una dettagliata analisi preventiva per capire se e come procedere.

Si dice spesso che un ecommerce manager debba possedere competenze a “T”, laddove per profilo a T si intende appunto una persona che possiede conoscenze trasversali, ampie e variegate, su diversi campi, ma con una o due specializzazioni su un tema specifico da cui parte per acquisire tutte le altre competenze che gli occorrono.

Naturalmente, un buon ecommerce manager conosce anche una serie di tool che possono essergli utili nel suo lavoro, tanto per citarne alcuni: da quelli per l’analisi degli utenti come Google Analytics agli strumenti per l’analisi SEO e competitor come SemRush o Seozoom agli strumenti di email marketing come MailChimp, fino ai software di marketing automation come SalesMANAGO o Marketo.

Se vuoi conoscere altri tool metti un Mi Piace alla mia pagina, grazie ;)

Lo stipendio di un e-commerce manager: quanto guadagna?

Questa è la domanda che mi pongono più di frequente, ma è sempre quella a cui è più difficile rispondere.

Ci sono due modi per guadagnare come ecommerce manager: avere uno stipendio mensile e avere una percentuale sulle vendite dell’ecommerce che segue.

Nel primo caso, l’ecommerce manager viene assunto dall’azienda e-commerce e percepisce un compenso che è proporzionato alla sua esperienza effettiva. L’importo va dai 20.000 euro per una figura junior finanche a 100.000 euro annui per figure senior in aziende più grandi e strutturate, ovviamente.

L’assunzione di un e-commerce manager può anche essere circoscritta ad un periodo limitato nel tempo, in questo caso, il professionista ricevere un compenso mensile fino al raggiungimento di determinati risultati (raggiungimento di un certo volume di vendite, interventi mirati su problemi specifici, ecc.).

Negli ultimi tempi, si sta facendo strada anche un’altra modalità di guadagno che alcuni miei colleghi stanno sperimentando: non ricevere un compenso mensile (o annuale o per obiettivo), ma guadagnare in percentuale sulle vendite dell’ecommerce.

In questo caso è molto più difficile quantificare lo stipendio di un ecommerce manager perché dipende dal prodotto, dal volume di affari dell’azienda e da tanti altri fattori, ma è innegabile che si tratti di un modello davvero sfidante, in cui l’ecommerce manager si assume il rischio di impresa al pari dell’imprenditore.

Spero che questo articolo sull’ecommerce manager ti stia risultando utile, ma prima di augurarti una buona formazione vorrei aiutarti a rispondere ad un’ultima domanda: chi ha bisogno di un ecommerce manager?

Trovare lavoro come ecommerce manager

Ti dico subito che il lavoro di e-commerce manager è uno dei più richiesti degli ultimi anni e la tendenza sembra essere in crescita.

Trovare lavoro per un bravo e commerce manager non è impossibile, pensa che tutte le aziende che vendono online oppure hanno intenzione di avviare un ecommerce, hanno bisogno di questa figura, indipendentemente dal settore di appartenenza e dalla tipologia di business (B2B, B2C).

Non è necessario che siano di grandi dimensioni, anche piccole e medie imprese hanno la necessità di avere un professionista che sia in grado di avviare l’attività online e guidarla nel tempo. Tutte le aziende tendono a voler gestire al proprio interno una serie di attività e soprattutto nel caso delle vendite online, avere un e-commerce manager che coordini il commercio elettronico consente all’impresa di governare il processo in maniera capillare.

Naturalmente le dimensioni dell’azienda influenzano il volume dell’attività da coordinare, il numero di addetti e la relativa specializzazione. Ad esempio, nel caso di una piccola azienda, non è escluso che il professionista debba ricoprire anche altri ruoli non affidati a figure specializzate, mentre se lavora all’interno di una multinazionale è più facile che il suo ruolo di coordinatore non preveda attività operative, ma di questo abbiamo già parlato.

Se è chiaro questo e se consideriamo i dati di forte crescita del commercio elettronico in Italia (basta leggere lo studio di Casaleggio Associati), è facile capire perché ecommerce manager specializzati, competenti e preparati saranno sempre più richiesti.

Spero davvero che questo articolo ti abbia chiarito le idee su questa professione la cui complessità è data sicuramente dalla vastità di competenze che richiede, ma anche dai prodotti delle aziende con cui di volta in volta si trova ad avere a che fare.

In ogni caso, non solo le difficoltà, ma anche le soddisfazioni sono all’ordine del giorno…parola di ecommerce manager! ;)

Se non lo hai ancora fatto, fallo adesso, metti un Mi Piace alla mia pagina, grazie ;)

Facebook 0
LinkedIn 0
Twitter
Giuseppe Noschese
Giuseppe Noschese

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi che continui a scrivere contenuti utili, considera la possibilità di aiutarmi a trovare nuovi spunti, regalami un libro dalla mia lista Amazon. :)

Lascia un commento

Cerca
Giuseppe Noschese
Giuseppe Noschese

Consulente digitale, formatore e ecommerce manager, affianco le imprese e le aiuto a raggiungere gli obiettivi di business.

Associate Partner yourDIGITAL
Event Manager Marketing Automation Academy
Co-Founder Ecommerce HUB
PrestaShop Ambassador
© Copyright 2018 - Giuseppe Noschese